Passo Cimabanche Calalzo di Cadore

Il percorso

Si tratta di un percorso ciclopedonale che segue il tracciato di una ferrovia dismessa nel 1964. Il percorso parte dal valico montano di Cimabanche, che segna il confine fra Veneto e Trentino Alto Adige, e scende fino a Calalzo di Cadore passando per Cortina d’Ampezzo. A Cimabanche si trova un bar ed un centro di assistenza per bici. Si comincia percorrendo la ciclabile, che proviene da Dobbiaco, in direzione Cortina. Il fondo è compatto e battuto, sterrato ma molto gradevole, immerso in un bosco di altissime conifere. Dopo due km si costeggia il Lago Nero, ottimo per una sosta, e dopo 4km si trova la chiesa di Ospitale, risalente al 1200 e con preziosi affreschi medievali. Superato un ex ponte ferroviario, lo sterrato si fa più marcato e si attraversano due antiche gallerie del treno, scavate a mano nella roccia. Il panorama è

Ammappato il 8 settembre 2014

Ammappato da: Massimiliano Masetti

Altro da sapere

Data ultimo sopralluogo: 17 AGOSTO 2014

SUGGERIMENTI:

Lungo il percorso alcune delle antiche stazioni ferroviarie sono state allestite a ristoro, aperto anche la domenica. Il percorso è percorribile solo nei mesi estivi, mentre durante i mesi invernali diventa una pista da sci di fondo.
A Cortina d’Ampezzo è possibile pernottare facilmente.
Il punto di partenza è raggiungibile con un servizio BUS molto frequente da Calalzo di Cadore, che impiega un’ora e mezza a raggiungere Cimabanche: il servizio BUS prevede anche il trasporto di bici due volte al giorno: alle 8:50 ed alle 16:00, disponibile anche in direzione contraria.

Sito del percorso: http://www.ciclabiledolomiti.com
Sito del Bike n’Bus: http://www.ciclabiledolomiti.com/bike-n-bus/

Commenta con Facebook

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *