Gradoli Latera

Il percorso

Nella piazza davanti alla porta di Gradoli, troviamo una fontana. In concomitanza ad essa c’è una via che scende che si chiama Via Margherita. La prendiamo e alla rotatoria in fondo giriamo a sinistra verso un ponticello sul fosso, oltre il quale c’è un fontanile e un bivio. Giriamo a sinistra e dopo breve, al secondo bivio, proseguiamo dritti. Troviamo così un terzo bivio che va preso a destra e che si caratterizza dal fatto che la strada diventa sterrata. Dopo circa dieci minuti di cammino arriviamo ad un ulteriore bivio, dove campeggia una madonnina (foto) e qui giriamo a destra. Percorriamo così questa strada, panoramica sul lago di Bolsena, senza mai deviare fino ad arrivare ad una bella villa, dopo della quale c’è un bivio con la nostra strada che sale a destra. Saliamo così sulla cima della caldera del lago. Ci troviamo una strada che ci arriva da sinistra e si immette sulla nostra. Qui proseguiamo dritti

Ammappato il 20 marzo 2014

Ammappato da: Guerriero

Altro da sapere

Cosa vedere a Latera:

Museo della Terra

Dal sito del museo: “Inaugurato nel 1999, il museo è allestito nell’antica “Grancia” di San Pietro.
La Grancia (dal latino parlato granaio) è un edificio, che nel medioevo era annesso alle abbazie, in questo caso di proprietà dei monaci del Monte Amiata.

Dal sogno di un uomo semplice Luigi Poscia, nato in un piccolo paese del viterbese, inizia la storia del Museo della terra. La sua volontà è quella di mantenere viva la memoria del proprio borgo attraverso la raccolta di circa 1500 oggetti.

Nel museo che visitate fate un viaggio attraverso le cose e il tempo e cogliete la stretta relazione che c’era tra la casa, la bottega, il mercato, gli animali e la terra.
Gli strumenti che erano usati nel quotidiano restituiscono la semplicità che abbiamo dimenticato”

Commenta con Facebook

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *