Motta Sant'Anastasia Foce Simeto

Partiamo da Motta S.A. all’incrocio tra il corso Sicilia e la via Terre Nere. Percorriamo quest’ultima via per intero fino ad uscire dal paese. La strada continua ad essere asfaltata e attraversa un territorio collinoso per lo più piantumato ad ulivi (foto 1); guardando a NO si vede il profilo dell’Etna (foto 2). Andando avanti il terreno si fa più pianeggiante e diventano più frequenti i campi coltivati ad arance e talvolta anche a pesche. Dopo aver attraversato la SP77 continuiamo diritto sulla Strada di Bonifica 28 fino ad incontrare un bivio da cui si diramano due strade che portano entrambe alla riva sinistra del Simeto; scegliamo la strada sterrata a sinistra, che è la più breve, e passiamo attraverso un gruppo di 3 case coloniche; svoltiamo qui a destra e attraversiamo un terreno coltivato ad aranci, fino a raggiungere l’argine sinistro del Simeto, che è soprelevato di circa 2 mt rispetto al terreno coltivato ad aranci. Il fiume non si vede perché il suo letto

Ammappato il 14 dicembre 2015

Ammappato da: Angelo robino

Commenta con Facebook

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *