Frattura Nuova Frattura Vecchia

LA CADUTA NELL’OBLIO DI FRATTURA VECCHIA

Era il 13 gennaio 1915 quando il terremoto della Marsica, in Abruzzo, causò la distruzione di Frattura, una frazione del comune di Scanno (da cui dista 6 km), in provincia di L’Aquila. Quel giorno, alle 8 circa del mattino, la terra tremò e nel sorgere dell’alba persero la vita oltre 160 persone (quasi l’intera popolazione del villaggio), principalmente donne e bambini, dato che gli uomini si erano trasferiti negli Stati Uniti d’America con la speranza di trovare miglior sorte altrove per poi tornare in patria dalle proprie famiglie.

Il 7 settembre 2013, 98 anni dopo la catastrofe, mi sono recato in questo luogo per visitare le rovine del vecchio centro abitato. Quel sabato, ricordo che convinsi mia madre e uno dei miei migliori amici (con il quale ho condiviso molti viaggi nei caldi mesi estivi, alla ricerca di borghi abbandonati) ad accompagnarmi

Ammappato il 2 dicembre 2013

Ammappato da: Paolo Pagnotta

Altro da sapere

Ultimo sopralluogo: sabato 7 settembre 2013

Commenta con Facebook

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *