Vitorchiano Grotte Santo Stefano

Gli oggetti che porto con me nello zaino sono come cinquanta amici di un’importanza inimmaginabile. Gli oggetti, per chi si sposta, non sono solo cose, ma mondi di possibilità. Non hanno una funzione, ma un ruolo. Ho dovuto scegliere alcuni e altri no, a malincuore, ma quelli che ho scelto… li guardo e mi commuovo”.

Il percorso

La prima parte di questo percorso ricalca il tracciato che ci hanno mandato tempo fa e che costituisce la prima mappatura del nostro sito, ad opera dell’Associazione Culturale l’Ortica di Viterbo. Ecco la prima parte…

Ammappato il 3 marzo 2014

Ammappato da: Gruppo Scavallatori di Rupi

Altro da sapere

Assolutamente da visitare a Grotte sono le cascate dell’Infernaccio (foto) ma solo per esperti e con un buon equipaggiamento.

Dove mangiare e dormire a Grotte:

Assolutamente all’Agriturismo Il Casaletto (foto) da cui è possibile godere di un’ottima cucina e di una vista straordinaria su tutto il territorio circostante.

Dal sito dell’agriturismo: E’ la dolce tranquillità della campagna ad accogliere l’ospite del Casaletto che, da una breve e graziosa strada bianca ombreggiata dalle querce, arriva al pianoro tufaceo su cui siede l’agriturismo e da quella posizione abbraccia con lo sguardo l’ampia, splendida vallata che domina l’orizzonte. Un’ampia piscina all’aperto pensata anche per le esigenze dei più piccoli, vi regalerà piacevoli momenti di relax e refrigerio nella stagione calda”.

Cosa visitare a Grotte:

Il Museo di petrografia e mineralogia gestito dall’Eco Museo della Tuscia, dove ci sono anche molti manifesti antichi, un grande orologio, un archivio e, ovviamente, tante pietre e minerali.

Commenta con Facebook

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *