Celleno Vecchio Graffignano

“Il giro della Tuscia in 80 giorni si sta dimostrando un viaggio cubista. Non è infatti un viaggio lineare che va da un punto A ad un punto B lungo una direttiva che si distanzia dalla partenza in maniera costante e che ti fa vedere sempre nuovi scenari, dandoti la sensazione del -progresso lineare-. E’ invece un viaggio che torna e ritorna ad osservare sempre gli stessi elementi naturali (il Cimino, le colline dei borghi, la caldera del lago…) da…

Ammappato il 6 marzo 2014

Ammappato da: Gli Eterogenei

Commenta con Facebook

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *