Fortezza Vipiteno

Ad un tratto del percorso, scollinando, si apre la vista sulla valle, protetta da due castelli. Non distante scorrono le merci dei tir, incessanti e rumorosi come la società dei consumi. Ma il sentiero ci si allontana e i rumori diventano gradualmente più fiochi. Quel treno ininterrotto di tir adesso sembra irreale, quasi fosse il nastro del tempo che si arrotola verso il passato. Ed infatti entriamo in un luogo remoto, con prati verdi, case di pietra a cinque piani,…

Ammappato il 20 luglio 2017

Ammappato da: Il nastro del tempo

Commenta con Facebook

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *