Orte Gallese in Teverina

Il borgo arroccato di Orte è un dei più importanti nella storia del centro Italia. Di origine molta antica è probabile fosse già cruciale nel periodo della federazione etrusca perché posto a ridosso del congiungimento del fiume Nera con il Tevere e naturalmente vocato a nodo di scambio grazie al suo noto porto commerciale, ma pure per via della possibilità di attraversamento del Tevere stesso grazie a un ponte. Due secoli prima di Cristo poi, Orte si trovò a insistere…

Ammappato il 17 Febbraio 2021

Ammappato da: Pietro Vertamy/OltreTevere/Around the Walk

La bacheca del percorso

Difficoltà: 2/5 Tipo di percorso: classico percorso di campagna tipico dell’alto Lazio e della Tuscia fra campi coltivati e bestie al pascolo. Asfalto secondario e fondo ghiaioso da strada bianca si distribuiscono equamente lungo una traccia che non risulta essere impegnativa né come distanza né come dislivelli, ma che perde totalmente di vista il Tevere. Accessibilità: Piedi e bicicletta. Percorso corto e senza grosse difficoltà. Passeggiata piacevole di mezza giornata che non richiede particolare allenamento o preparazione. Soltanto l’uscita da Orte può risultare disagevole lungo un sentiero non molto curato che regala però belle viste sul centro storico dall’altra parte della valle una volta attraversato il Rio Paranza. Gli ultimi 2 km prima del piccolo e isolato centro di Gallese, lungo asfalto stretto e per nulla attrezzato che richiede quindi la massima attenzione. La salita finale dedicata ai pellegrini risulta chiusa nell’ultima rampa o in fase di ultimazione. Il portatore di handicap motorio può pensare di iniziare il percorso al di sopra del cavalcavia sopra SS675, via di Villa Pinciana, considerando però una prima salita iniziale su asfalto e poi un passaggio sulla carrareccia che abbandona Vocabolo Villa Alberti a destra nel bosco per nulla agevole a causa di un fondo sconnesso e ripido. Acqua potabile: no

Commenta con Wordpress

Commenta con Facebook