Pescara del Tronto Pretare

DA PESCARA DEL TRONTO A PRETARE PASSANDO PER “LA BOTTE” E CAMARTINA Questo sentiero è stato ripristinato nel tratto iniziale da Associazione “Arquata Potest” nel dicembre 2019 e risulta essere particolarmente interessante perché, partendo da Pescara del Tronto, offre la possibilità di arrivare fino a Pretare, ai piedi del Monte Vettore, così come quella di ridurne la lunghezza sfruttando le deviazioni precedenti che riportano verso Camartina o anche in direzione di Arquata capoluogo. Lo stringente contrasto tra la bellezza della…

Ammappato il 11 Gennaio 2020

Ammappato da: Associazione Arquata Potest

Altro da sapere

LA FORNACE DI PRETARE

I resti dell’antica fornace sono situati fuori del centro abitato. Quello che ne resta testimonia l’importante utilizzo che se ne fece. Ha l’aspetto di una torre tronca a pianta quadrata, realizzata in conci di pietra e mattoni rossi. Alla sua base si evidenzia il vuoto costituito dall’arco.
Ormai dimessa, fu costruita vicino alla fonte di materia prima, la pietra calcarea. Il terreno, che la circonda testimonia, con la sua forma concava l’erosione di origine fluvio-glaciale anche grazie alla presenza di rocce e depositi glaciali. Poco sotto la fornace, verso la Valle dell’Acero, si osservano gli indizi di una trascorsa erosione fluviale con accumuli di depositi morenici.
Il suo utilizzo consisteva nella calcinazione delle rocce, cioè per la produzione di calce viva.
Questo processo consiste nel riscaldamento della pietra calcarea a temperature di circa 800 °C con il fine di eliminare la componente volatile e l’acqua di combinazione, inoltre per decomporre bicarbonato e carbonati. In questa fornace di cottura, il caricamento della roccia avveniva dall’alto e la calce ottenuta era scaricata verso il basso, senza mai interrompere il funzionamento del forno.
La calce, è un legante utilizzato nell’edilizia e conosciuto fin dai tempi antichi. Trova largo impiego impastato con sabbie inerti per la costituzione di malte aeree, o malte idrauliche se impastato con la pozzolana.

Commenta con Wordpress

Commenta con Facebook