Prato Ciorliero Punta Eco

Punta Eco e Bric Cassin, da Prato Ciorliero Mappato da Antonio (Compagnia dell’Anello) Quella percezione, quasi sempre ingiustificata, che ti fa presagire un piacevole evento sempre più imminente, scaturente a volte da una mezza frase o da una foto pubblicata su facebook: era nell’aria, questo giovedì lo potremmo intitolare “Il giorno del ritorno dell’Angelo”… Il “nostro caro Angelo”, come cantava l’indimenticato Lucio Battisti, ebbene sì, dopo un breve esilio (o meglio, rimpatrio) in quel di Romagna, sua terra d’origine, comprensivo…

Ammappato il 5 Agosto 2020

Ammappato da: Antonio (Compagnia dell'Anello)

Altro da sapere

Escursione effettuata il 2 Luglio 2020

Compagnia dell’Anello formata da: Angelo, Antonio, Franco, Josè e Osvaldo con la gradita partecipazione di Barbara e Giovanni

Località di partenza: Prato Ciorliero di Acceglio 1940m – Valle Maira CN

Punto più elevato raggiunto: Punta Eco 2707m

Dislivello cumulato in ascesa: 1019m

Sviluppo complessivo del percorso: 9,6 km

La bacheca del percorso

Note toponomastiche: Acceglio: l’antica denominazione Ocilium deriva dal latino ad cilium in riferimento alla posizione dell’insediamento allungato sul ‘ciglio’ del Torrente Maira e alla base del pianalto superiore della valle; Unerzio: localm. Valoun Unèrsi – Unèrsi, italianizzato in Unerzio, pare risalire all’antico ‘sfruttamento comunitario’ del territorio. Se invece il toponimo derivasse da Univers, antica denominazione del vallone, potrebbe invece porsi in riferimento all’orientamento del vallone, volto a Nord; Chialvetta: localm. Ruà Chialvèto o Quiarvèto, il toponimo, dal prov. Cleivetta, corrisponde a ‘luogo chiuso tra alte montagne’; Pratorotondo: localm. Pràrioundu, Pratorotondo è un ‘prato a forma circolare’; Viviere: corrisponde al cognome francese Vivier, italiano Viviani; Limburny: presunta alterazione della voce botanica prov. Ambourn, lambourneo (dal lat. Tardo laburnum), è una denominazione che rivela la presenza di piante di ‘laborno o maggiociondolo’; Cassin: dal prov. Caso ‘luogo pietroso’ deriva da tale aspetto del territorio; Brancia: l’oronimo Brancia, italianizzazione del prov. Branca, ‘albero con molti rami’, metaforicamente richiama l’immagine di una mano aperta e rivolta verso l’alto; Oronaye: localm. L’Ourounaio o Oronaio (Tete de Moise, ‘Testa di Mosè’ su IGN) – Oronaye, radice prelat. *or ‘elevazione’, trova riscontro anche nel sostantivo greco òros ‘montagna’; Feuillas: l’oronimo Feuillas, dal francese feuille ‘foglia’, trova corrispondenza nella stratificazione lamellare della roccia; Vallonasso: localmente Valounas, Vallonasso è una ‘grande valle aperta’; Gardetta: localm. Pas la Gardèto, italianizzazione del prov. Gardètto ‘luogo panoramico, adatto alla sorveglianza del territorio; Cassorso: localm. Lou Cassuèrs, Cassorso si affianca etimologicamente a Cassin ‘luogo pietroso’.

Commenta con Wordpress

Commenta con Facebook