Rifugio Don Barbera Realdo

Bellissima tappa, non impegnativa, in cui praterie, rododendri e larici fanno da sfondo a paesaggi meravigliosi. Dal rifugio Don Barbera il sentiero sale verso il Colle del Signori (2111 metri s.l.m.) e attraversa la strada sterrata (strada ex-militare che collega Monesi al colle di Tenda). Si prosegue in direzione del panoramico colle delle Selle Vecchie (Col de la Celle Vielle, 2099 metri s.l.m.) dove si ignora la traccia che scende a sinistra per Upega, sulla sottostante rotabile ex-militare, e si…

Ammappato il 19 febbraio 2018

Ammappato da: Ivan Pace

Altro da sapere

numeri utili o link a siti: www.rifugiodonbarbera.eu; www.caisanremo.it ; www.realdovive.it/rifugio

Data dell’ultimo sopralluogo: agosto 2017

La bacheca del percorso

Dormire al Rifugio Sanremo

Dal Passo seguendo la pista sterrata (a sinistra rispetto al sentierino che sale verso la vetta del monte Saccarello), si passa alla base della statua del Redentore fino a Sella della Valletta (2046 metri s.l.m.).  Proseguendo si arriva al Rifugio Sanremo (2054 metri s.l.m.), non custodito (N.B. ritirare le chiavi presso il Rifugio Don Barbera e lasciarle presso il Rifugio Allavena, punto di arrivo della tappa seguente).

Dal Rifugio Sanremo: si percorre a ritroso la strada fino al Passo di Tanarello e dopo la statua del Redentore si segue il sentiero panoramico a sinistra che scende tra i larici verso il Passo di Collardente (1617 metri s.l.m.) e la Bassa di Sanson (1694 metri s.l.m.).

Dormire a Realdo

Dal Passo di Tanarello si imbocca il sentiero che prosegue dritto di cresta e poco prima della statua del Redentore si prende a destra la traccia che scende ripida verso il Passo di Collardente. Poco prima del Passo di Collardente il sentiero segue a sinistra tagliando la strada sterrata ed entrando in un fitto bosco di conifere che dopo un pilone votivo ed una piccola fonte diventa bosco di latifoglie. Si scende per stretti tornanti nel bosco (anche per 45 minuti – 1 ora)  fino a raggiungere la strada asfaltata in corrispondenza della chiesetta di Sant’Antonio. Oltre la chiesetta seguendo il tornante la mulattiera segnalata raggiunge il paese ed il Rifugio Realdo, situato proprio nel centro storico (Foto 12 –  Archivio Ente Parco Alpi Marittime).

Da Realdo a piedi: seguire in salita il sentiero fino al piccolo borgo di Borniga e proseguire verso la località Il Pin. Il sentiero taglia la strada di tanto in tanto raggiungendo la Bassa di Sanson (1694 metri s.l.m.) in poco più 2 ore.

Commenta con Facebook

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *